Carrello Contatti Forum Facebook Twitter  
 
 
 
SHOP
VISITA IL NUOVO STORE
Abbonamenti riviste
Abbonamenti riviste digitali
Libri
DVD
Kit e accessori
Calendari
Arretrati
Monografie modelli auto
Monografie a tema
Monografie TTM Extra
Modelli promozionali
Download PDF
Download PDF gratuiti
Ricerca prodotti

COMMUNITY DUEGI

Entra nel Forum
Sondaggio
Fotogallery
Link
Appuntamenti
Negozi
 

LE ULTIME DA...

Tutto Treno
Tutto Treno Modellismo
Modelli Auto
 
A PROPOSITO DI DUEGI...
Duegi Story
Conosci la Redazione
Programma Editoriale
La sede
Contatti
Comunicati stampa
 
 
 
 
 

News

Accordo Regione Veneto-RFI per utilizzo degli immobili ferroviari non necessari alla circolazione.


La stazione ferroviaria di Primolano, una delle 122 stazioni interessate all’operazione di riqualificazione tra Regione Veneto e RFI. (Primolano, 07/11/07; foto Marco Bruzzo / tuttoTreno)

L’assessore alle politiche della mobilità Renato Chisso ha firmato stamane il protocollo d’intesa tra la Regione del Veneto e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS), rappresentata dal Giuseppe Albanese, relativo all’utilizzo di immobili e aree non più funzionali alle attività ferroviarie.
Si tratta di uno degli impegni contenuti nell’accordo Regione – Ferrovie dello Stato del settembre scorso, relativo alla possibilità che le ferrovie, su proposta motivata della Regione, concedano in comodato gratuito agli enti locali, ma anche in affitto a privati, gli edifici non più utilizzati o scarsamente utilizzati. “L’obiettivo – ha sottolineato Chisso – è di favorire la riqualificazione della presenza stessa di questi immobili, altrimenti spesso oggetto di atti di vandalismo, garantendone la manutenzione e il decoro, un utilizzo rispondente alle esigenze delle diverse comunità locali e anche per migliorare i servizi alla clientela”. “E’ un campo di prova per RFI – ha detto dal canto suo Albanese – un’iniziativa di punta in Italia dove esistono solo esperienze nelle Province Autonome, per dare nuove finalità e decoro a immobili che sono un bene pubblico”.
In questa partita, il ruolo della Regione sarà di promotrice dell’iniziativa nei confronti dei Comuni interessati e di coordinatrice delle attività nella redazione di convenzioni di gestione e di utilizzo dei beni ferroviari non utilizzati. Le convenzioni saranno stipulate tra RFI e gli Enti locali (che hanno prelazione d’interpello) o privati che esercitano attività di tipo commerciale, che esprimono interesse a gestirli e ad utilizzarli, in proprio o tramite associazioni, per svolgere attività sociali, istituzionali ed economico – produttive compatibili con la circolazione dei treni, il servizio ferroviario in genere ed il servizio alla clientela ferroviaria in particolare. I nuovi utilizzatori garantiranno dal canto loro la manutenzione. Rete Ferroviaria Italiana cederà, in comodato o locazione, fabbricati e aree relativi alle 122 stazioni ferroviarie venete interessate da una frequentazione inferiore a 500 viaggiatori/giorno. Le condizioni relative a ciascuna cessione verranno di volta in volta stabilite dalle convenzioni attuative. Sono esclusi tutti i beni che devono essere necessariamente gestititi direttamente da RFI per lo svolgimento dell’esercizio ferroviario; quelli già soggetti a contratto con terzi; quelli di prossima scissione/alienazione a favore di altre Società del Gruppo Ferrovie dello Stato; quelli finalizzati alla realizzazione di progetti di sviluppo e potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria. (Fonte Regione Veneto)


Elenco stazioni interessate

Provincia di Belluno
Alano Fener Valdobbiadene, Busche Lentiai Mel, Calalzo Pieve di Cadore Cortina, Longarone Zoldo, Perarolo di Cadore, Ponte nelle Alpi, Quero Vas, Santa Croce del Lago, Santa Giustina Cesio, Sedico Bribano, Stazione dell’Alpago.

Provincia di Padova
Abano Terme, Battaglia Terme, Campodarsego, Carmignano di Brenta, Este, Fontaniva, Fratte Centro, Galliera Veneta Tombolo, Mestrino, Montagnana, Ospedaletto Euganeo, Piombino Dese, Ponte di Brenta, San Giorgio delle Pertiche, San Martino di Lupari, San Pietro in Gù, Sant’Elena Este, Stanghella, Trebaseleghe, Vigodarzere, Villa del Conte.

Provincia di Rovigo
Adria, Arquà, Badia Polesine, Baricetta, Canaro, Ceregnano, Costa, Fratta, Lama, Lendinara, Loreo, Polesella, Rosolina.

Provincia di Treviso
Castello di Godego, Cornuda, Fagarè, Fanzolo, Gorgo al Monticano, Istrana, Lancenigo, Levada, Motta di Livenza, Oderzo, Orsago, Paese, Paese Castagnole, Pederobba Cavaso Possagno, Pianzano, Ponte di Piave, Postioma, Resana, San Biagio di Callalta, Soffratta, Spresiano, Susegana, Trevignano Signoressa, Vittorio Veneto.

Provincia di Venezia
Annone Veneto, Cavanella d’Adige, Ceggia, Chioggia, Fossalta di Piave, Gaggio, Lison, Maerne di Martellago, Marano, Meolo, Olmi Spercenigo, Salzano Robegano, Santa Anna di Chioggia, Teglio Veneto, Venezia Carpenedo, Venezia Porto Marghera.

Provincia di Verona
Albaredo, Bevilacqua, Bonferraro, Boschi Sant’Anna, Bovolone, Buttapietra, Caldiero, Castagnaro, Castelnuovo del Garda, Cerea, Dolcè, Domegliara, Dossobuono, Isola della Scala, Mozzecane, Nogara, Peri, San Martino Buon Albergo, Sanguinetto, Villabartolomea, Villafranca di Verona

Provincia di Vicenza
Altavilla Tavernelle, Carpanè Valstagna, Cassola, Cavazzale, Cismon del Grappa, Grisignano di Zocco, Lerino, Lonigo, Montebello, Primolano, Rosà, Rossano Veneto, San Marino, San Nazario, Solagna, Villaverla.

 

Carrello

QUESTO MESE IN EDICOLA

tutto TRENO N. 319 - Giugno 2017
EUR 7.50
Dettagli [...]
tutto TRENO Modellismo N. 70 - Giugno 2017
EUR 7.50
Dettagli [...]
TTM Extra n°7
EUR 12.00
Dettagli [...]
tutto TRENO & Storia n° 37
EUR 9.50
Dettagli [...]
 
Duegi Editrice - Abbonati alla rivista digitale