Carrello Contatti Forum Facebook Twitter  
 
 
 
SHOP
VISITA IL NUOVO STORE
Abbonamenti riviste
Abbonamenti riviste digitali
Libri
DVD
Kit e accessori
Calendari
Arretrati
Monografie modelli auto
Monografie a tema
Monografie TTM Extra
Modelli promozionali
Download PDF
Download PDF gratuiti
Ricerca prodotti

COMMUNITY DUEGI

Entra nel Forum
Sondaggio
Fotogallery
Link
Appuntamenti
Negozi
 

LE ULTIME DA...

Tutto Treno
Tutto Treno Modellismo
Modelli Auto
 
A PROPOSITO DI DUEGI...
Duegi Story
Conosci la Redazione
Programma Editoriale
La sede
Contatti
Comunicati stampa
 
 
 
 
 

News

Treni AV Trenitalia: ricorso al TAR di Alstom

Il rendering del treno AV Zefiro300 con cui AnsaldoBreda/Bombardier hanno vinto la gara per i 50 treni AV da 360 km/h di Trenitalia. (foto Bombardier / tuttoTreno)

La società Alstom ha presentato un ricorso al TAR relativamente all’assegnazione della gara Trenitalia relativa ai 50 convogli AV all’ATI AnsaldoBreda-Bombardier. Nessun comunicato da parte di Alstom il cui ufficio stampa ha comunque dichiarato a TuttoTreno che la motivazione del ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio è relativa all’assegnazione del punteggio tecnico. Per questo il TAR del Lazio ha richiesto a Trenitalia la documentazione relativa ai relativi dati entro il 20 di settembre per permettere l’accessibilità ai dati stessi da parte Alstom in vista dell’udienza del 29 settembre prossimo in cui i giudici decideranno sulla fondatezza o meno del ricorso della società francese. Per quanto riguarda i costi finali del treno, comprensivo dell’acquisto, del contratto di manutenzione e del costo medio di certificazione sulle reti ferroviarie contenute nel bando, Alstom dichiara che la differenza finale rispetto al convoglio AnsaldoBreda/Bombardier è pari a uno 0,9 per cento in più.

Invece sia le due società vincitrici della gara sia le FS hanno emesso due distinti comunicati stampa che pubblichiamo integralmente.

Comunicato Bombardier AnsaldoBreda

Con riferimento alle notizie riportate da alcune testate giornalistiche in merito al ricorso presentato dalla francese Alstom sulla gara internazionale per la fornitura di 50 treni ad altissima velocità per le ferrovie italiane, Bombardier e AnsaldoBreda, società del Gruppo Finmeccanica, confermano la propria soddisfazione per il risultato ottenuto nella Gara e per l’apprezzamento di Trenitalia nei confronti del V300ZEFIRO che si è classificato primo sia sotto l’aspetto tecnologico, sia sotto quello economico, sia per i tempi di consegna dei treni, realizzando così un vantaggio per le Ferrovie dello Stato, per i suoi clienti e per i contribuenti italiani.

“Difenderemo vigorosamente i nostri interessi – dichiara Roberto Tazzioli AD di Bombardier Transportation Italy – Abbiamo offerto infatti a Trenitalia un treno eccellente in grado di competere da protagonista sia sui mercati italiani che su quelli europei. Il V300ZEFIRO – continua Tazzioli – deriva dalla tecnologia consolidata sull’Alta Velocità del V250 di AnsaldoBreda e dello ZEFIRO di Bombardier che rappresenta il treno ad alta ed altissima velocità di maggior successo nel mondo con 160 unità vendute dal 2007 ad oggi. Un risultato di gran lunga superiore a quello dei concorrenti. Il raggruppamento Bombardier/ AnsaldoBreda – conclude Tazzioli – rappresenta la più qualificata e consistente presenza industriale del settore in Italia con oltre 4.000 dipendenti, sui quattro più grandi impianti industriali, oltre ad alcuni centri di ingegneria”.

“Attenzione e non preoccupazione – riassume Salvatore Bianconi AD di AnsaldoBreda – in quanto il ricorso dopo la conclusione di una Gara così importante nel nostro settore è divenuto ormai una consuetudine e non ci stupisce che la concorrente si sia mossa in questa direzione. Il nostro lavoro continua e i programmi che ci siamo imposti saranno mantenuti. Siamo particolarmente sereni – continua Bianconi – perché, sia sotto il profilo tecnologico, sia sotto l’aspetto economico, sia per i tempi di consegna dei treni, Bombardier e AnsaldoBreda sono risultate vincenti. Sul costo per ogni treno, in particolare, i benefici a favore del committente e quindi del cittadino sono decisamente consistenti.”

Comunicato FS

Con riferimento alle notizie diffuse da alcuni organi d’informazione relative al ricorso presentato dal Gruppo francese Alstom in merito alla gara di fornitura di 50 treni ad alta velocità , Ferrovie dello Stato precisa che, diversamente da quanto riportato, il TAR non ha accolto alcun ricorso ma ha soltanto fissato al 29 settembre la Camera di Consiglio per decidere in merito alla sospensiva. Nell’attesa dell’esito della camera di consiglio, il TAR ha valutato l’opportunità di sospendere la procedura. FS ritiene che la gara si sia svolta nel pieno rispetto delle regole, senza alcuna infrazione alla legge ed al capitolato, e attende con fiducia il parere del Giudice Amministrativo, nella certezza che le sue decisioni saranno basate su verifiche e valutazioni corrette.
FS rileva, infine, che l’offerta dell’ATI AnsaldoBreda-Bombardier, come comunicato ufficialmente, oltre ad essere migliore nella parte tecnica, è risultata più vantaggiosa soprattutto nel prezzo: circa 30 milioni di euro a treno contro i circa 35 mln di Alstom, che equivalgono ad un prezzo superiore di circa il 17%.

 

Carrello

QUESTO MESE IN EDICOLA

Modelli AUTO N. 128
EUR 6.90
Dettagli [...]
tutto TRENO TEMA N. 32 - SIEMENS
EUR 12.00
Dettagli [...]
tutto TRENO Modellismo N. 70 - Giugno 2017
EUR 7.50
Dettagli [...]
tutto TRENO N. 320 - Luglio/Agosto 2017
EUR 10.90
Dettagli [...]
 
Duegi Editrice - Abbonati alla rivista digitale