Carrello Contatti Forum Facebook Twitter  
 
 
 
SHOP
VISITA IL NUOVO STORE
Abbonamenti riviste
Abbonamenti riviste digitali
Libri
DVD
Kit e accessori
Calendari
Arretrati
Monografie modelli auto
Monografie a tema
Monografie TTM Extra
Modelli promozionali
Download PDF
Download PDF gratuiti
Ricerca prodotti

COMMUNITY DUEGI

Entra nel Forum
Sondaggio
Fotogallery
Link
Appuntamenti
Negozi
 

LE ULTIME DA...

Tutto Treno
Tutto Treno Modellismo
Modelli Auto
 
A PROPOSITO DI DUEGI...
Duegi Story
Conosci la Redazione
Programma Editoriale
La sede
Contatti
Comunicati stampa
 
 
 
 
 

News

Metropolitana di Napoli: visita alla nuova Stazione Toledo della Linea 1

Ancora un tassello per il completamento della linea 1 della metropolitana di Napoli: è stata presentata il 12 aprile scorso la Stazione Toledo, con una breve cerimonia tenuta dal Presidente di M.N. Metropolitana di Napoli, Giannegidio Silva. L’opera, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets Blanca, è stata svelata alla stampa ed alle autorità cittadine che hanno potuto ammirare in anteprima il nuovo gioiello, che verrà aperto all’esercizio dal prossimo giugno. Costruita alla confluenza tra via Diaz e via Montecalvario si pone come porta di accesso ai Quartieri Spagnoli, grazie anche alla seconda uscita Montecalvario, attualmente in costruzione, la quale è a tutti gli effetti una stazione nella stazione. Come tradizione della metropolitana dell’arte, anche Toledo accoglie opere d’arte: installazioni musive di William Kentrige, dove le figure della mitologia e della iconografia napoletana si susseguono in processione, light boxes con pannelli lenticolari che riproducono le onde del mare di Bob Wilson ed una grande riproduzione del lavoro in galleria dell’artista Achille Cevoli. Notevoli le dimensioni dell’infrastruttura che raggiunge quasi 50 metri di profondità ed una volumetria di circa 43000 metri cubi. Il succedersi dei colori, ispirato ai due grandi temi, la luce e l’acqua, sottolinea e rimarca, man mano che si scende, i diversi livelli di profondità: il nero della terra, l’ocra del tufo e della pietra fino al celeste della falda e all’azzurro intenso del mare.

Durante i lavori di scavo sono emersi notevoli testimonianze del passato dell’antica città, dal primo suolo arato del paleolitico fino alle murazioni di epoca aragonese, restaurate ed integrate nelle finiture di stazione. Innovativa la scelta di portare la luce naturale fin dentro la stazione grazie a lucernai conici a pianta esagonale, definiti capirotes, che fanno parte dell’arredo urbano del nuovo salotto cittadino. La stazione verrà aperta alla cittadinanza in occasione del Maggio dei Monumenti mentre la seconda uscita vedrà la luce nel febbraio 2013. A cura di Maurizio Pannico


 

Carrello

QUESTO MESE IN EDICOLA

Modelli AUTO N. 128
EUR 6.90
Dettagli [...]
tutto TRENO TEMA N. 32 - SIEMENS
EUR 12.00
Dettagli [...]
tutto TRENO Modellismo N. 70 - Giugno 2017
EUR 7.50
Dettagli [...]
tutto TRENO N. 320 - Luglio/Agosto 2017
EUR 10.90
Dettagli [...]
 
Duegi Editrice - Abbonati alla rivista digitale