Carrello Contatti Forum Facebook Twitter  
 
 
 
SHOP
VISITA IL NUOVO STORE
Abbonamenti riviste
Abbonamenti riviste digitali
Libri
DVD
Kit e accessori
Calendari
Arretrati
Monografie modelli auto
Monografie a tema
Monografie TTM Extra
Modelli promozionali
Download PDF
Download PDF gratuiti
Ricerca prodotti

COMMUNITY DUEGI

Entra nel Forum
Sondaggio
Fotogallery
Link
Appuntamenti
Negozi
 

LE ULTIME DA...

Tutto Treno
Tutto Treno Modellismo
Modelli Auto
 
A PROPOSITO DI DUEGI...
Duegi Story
Conosci la Redazione
Programma Editoriale
La sede
Contatti
Comunicati stampa
 
 
 
 
 
 

RISULTATI DELLA RICERCA

Locomotive ad ACCUMULATORI di G. Cornolò e N. Molino

La trazione con accumulatori…

Su veicoli ferroviari e tranviari ha occupato ed occupa ancor più oggi solo una modesta “nicchia” nel settore più ampio della trazione elettrica in generale. Ciò nondimeno, essendo stato per quasi tutti i paesi il primo sistema a venire adottato per sperimentare una soluzione complementare, se non proprio alternativa, alla macchina a vapore, ha destato l’interesse dei due coautori, che hanno ritenuto fosse tempo di dedicare anche a questa forma “economica” o “minore” di trazione elettrica un poco di attenzione. Se la sua applicazione sulle ferrovie italiane è stata davvero modesta, comune del resto a quanto effettuato in altri paesi, se solo se ne eccettuano un paio, la sua applicazione su una parte delle tramvie extraurbane italiane non è stata del tutto marginale. Iniziata verso la fine degli anni ’20 del secolo scorso la sua applicazione nel trasporto pubblico viaggiatori, la sua parabola si è chiusa nell’arco di un trentennio, da momento che data dal 1958 la soppressione dell’ultima tramvia italiana che ancora si avvaleva di veicoli elettrici alimentati da batterie di accumulatori. Viceversa, nel trasporto merci, nelle manovre sui raccordi industriali o all’interno delle aziende, i veicoli ad accumulatori sono stati apprezzati assai prima, dal momento che se ne trovano tracce già nei primi anni del secolo appena trascorso, e alcuni di essi, forse celati in qualche raccordo poco accessibile al pubblico, sono probabilmente ancora in funzione. Il fatto che qualcuno di questi originali anche se non particolarmente attraenti veicoli, sia stato preservato e restaurato a cura di vari enti o dall’industria che li aveva in dotazione, dimostra che anch’essi, pur se di importanza marginale nello sviluppo del trasporto elettrificato su rotaia, hanno meritato quell’attenzione che solamente gli storici sanno dedicare alle cose apparentemente più insignificanti, ma che ad una pur piccola “nicchia”, nella storia, hanno diritto.

EUR 18.00Prezzo:
 

Carrello

GUIDA ALLO SHOP

Consigli per lo shop
Metodi di pagamento
Spedizioni
IL TUO CARRELLO