Contatti Forum Facebook Twitter Linkedin Blog  
 

QUESTO MESE IN EDICOLA

tuttoTRENO n° 383 - maggio 2023
EUR 8.50
Dettagli [...]
Binari senza Tempo - Piemonte
EUR 13.90
Dettagli [...]
 
SHOP ON LINE
VISITA IL NOSTRO STORE
Abbonamenti riviste
Libri
DVD
Kit e accessori
Calendari
Arretrati
Monografie a tema
Monografie TTM Extra
Download PDF
Download PDF gratuiti
Ricerca prodotti
 
 






 

News

Squinzi (Confindustria) in visita a Bombardier di Vado Ligure

Vado Ligure, 9 novembre 2012 – “Un piano industriale per il trasporto ferroviario”. E’ quanto ha chiesto Roberto Tazzioli, presidente e amministratore delegato di Bombardier Transportation Italy, al Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, in visita allo stabilimento di Vado Ligure della multinazionale leader mondiale nel trasporto aereo e ferroviario.
“Sono molto orgoglioso della visita del Presidente Squinzi al nostro stabilimento ferroviario di Vado Ligure e per questo lo ringrazio”, ha dichiarato Tazzioli accogliendo il Presidente di Confindustria nel sito dove, da più di cento anni, si producono locomotive elettriche. L’Italia -ha proseguito il numero uno di Bombardier Transportation Italy- rappresenta il terzo mercato ferroviario europeo, ma si caratterizza per la totale assenza di una vera politica industriale del settore. Il quadro di regolazione del settore è instabile, manca una programmazione degli investimenti, i livelli di contribuzione pubblica al servizio di Trasporto Pubblico Locale sono inferiori del 20-30% rispetto a quelli dei principali paesi di riferimento (Francia e Germania, in primis)”.
Durante l’incontro con il Presidente Squinzi, Tazzioli ha fatto riferimento ad un recente rapporto dello Studio Ambrosetti, che ha evidenziato come, a parità di corrispettivi pubblici (Ferrovie dello Stato rispetto ai competitor: SNCF o DB, ndr) si migliorerebbe la qualità del servizio offerto, sottraendo 575mila viaggi in auto al giorno, vale a dire 138 milioni l’anno (considerando 240 giornate lavorative).
Tale calo di 138milioni di viaggi sottratti alla strada potrebbe tradursi ogni anno in oltre 350 milioni di euro di benefici per la riduzione dell’inquinamento, degli incidenti e del traffico.
“Bombardier – ha concluso Tazzioli – crede ed è pronta a scommettere sull’Italia perché lo stabilimento di Vado Ligure è importante e noi guardiamo a qualsiasi opportunità per aumentare l’attività dell’impianto. Ma il Governo deve garantire programmi di investimento e regole certe, senza le quali le aziende non sono in grado di fare programmazione.Occorre immediatamente cambiare rotta e ridare al settore ferroviario quell’importanza e quel ruolo che ha avuto nel passato e che ha saputo esprimere tra l’altro prodotti di eccellenza come, la locomotiva elettrica E464 per il trasporto passeggeri venduta a Trenitalia in 688 unità, o come il Frecciarossa 1000, il treno ad altissima velocità che stiamo costruendo insieme ad AnsaldoBreda”.
“Per me è un grande onore essere oggi in visita allo stabilimento di Vado Ligure della  Bombardier, un’azienda che rappresenta la punta di diamante dell’industria ferroviaria a livello mondiale, ha dichiarato Giorgio Squinzi, Presidente Confindustria. E credo –ha proseguito il presidente di Confindustria- sia anche motivo di orgoglio per l’Italia poter vantare la presenza di un così importante gruppo nel nostro paese. Un Gruppo che ha saputo fare della ricerca e dell’innovazione l’arma migliore per la sua crescita. Un’eccellenza che non può essere dispersa e per la quale è necessario creare tutte quelle condizioni di certezze e di riforme affinchè possa continuare ad investire in Italia”. Fonte Bombardier

 
A PROPOSITO DI DUEGI...
Duegi Story
Conosci la Redazione
La sede
Contatti

LE ULTIME DA...

tuttoTRENO
tuttoTRENO Modellismo
 

COMMUNITY DUEGI

Entra nel Forum
Sondaggio
Fotogallery
Link
Appuntamenti
Negozi